Passa ai contenuti principali

Cambiare la cartuccia di un rubinetto miscelatore che gocciola



I rubinetti miscelatori monocomando a leva, al contrario di quelli tradizionali, non hanno guarnizioni in gomma per la tenuta, ma un sistema a dischi di ceramica che ne garantisce una maggiore durata ed una minima forza per la chiusura.
Questo sistema è di solito racchiuso in un contenitore cilindrico di plastica e viene comunemente chiamato "cartuccia del miscelatore".
Quando il rubinetto non funziona più a dovere, in genere si dovrà semplicemente sostituire questa cartuccia.
In questo articolo viene spiegato come smontare la cartuccia dal rubinetto per poterla sostituire.

La leva del miscelatore monocomando è generalmente fissata tramite una vite
Possiamo procedere a smontare la leva monocomando del rubinetto miscelatore
Ma andiamo per ordine, la prima cosa da fare è... chiudere l'acqua naturalmente, tramite il rubinetto generale del bagno oppure, se ci sono, tramite i due rubinetti posti sotto il lavandino.
Poi possiamo procedere a smontare la leva monocomando. Questa è generalmente fissata tramite una vite raggiungibile alzando la leva al massimo (come nel caso mostrato in foto) oppure smontando un tappino di plastica posto frontalmente (in genere metà blu e metà rosso) o ancora smontando il fregio posto sopra la leva che può esere avvitato o montato a pressione.
Spesso però anche dopo aver allentato la vite di bloccaggio, la leva non viene via perchè incastrata sul perno, in questo caso si dovrà agire con molta pazienza cercando di fare leva alternativamente a sinistra, a destra e poi avanti e dietro fino a che il pezzo non si sblocchi.
Tolta la leva ci troveremo davanti una semisfera con un foro centrale da cui esce il perno quadrato a cui era fissata la leva.
Questo pezzo, fatto di plastica o metallo e generalmente cromato, andrà svitato per poterlo togliere ed accedere alla cartuccia.
Lo smontaggio può comportare qualche difficoltà in quanto la filettatura può essere incrostata dalla polvere e dai residui calcarei dell'acqua che talvolta vi finisce dentro.
Se non si dovesse svitare, consiglio di ricorrere all'utilizzo di un olio disincrostante e sbloccante spray (ve ne sono in vendita di varie marche in tutti i ferramenta e negozi di "brico") che con l'apposito tubicino può essere comodamente distribuito anche all'interno passando dal foro superiore.






MaEm Edilceramiche srl
Via Cronato 42/C 95100-Catania
Tel.095361514
Whatsapp 3464971257
info@maemsrl.it



Commenti

Post popolari in questo blog

Differenza tra ceramica e gres porcellanato

La ceramica è un materiale utilizzato fin dall’antichità costituito da una pasta tenera ricavata da terre e argille cotte, dura e resistente ma allo stesso tempo piuttosto scalfibile. Esistono quattro tipi di ceramiche: • terracotta o coccio,  • le terraglie,  • il gres semplice,  • la porcellana, che può essere più tenera, o più dura secondo la materia prima utilizzata. Parlando di rivestimenti, sia murari sia per i pavimenti la ceramica è impiegata per la realizzazione di piastrelle in monocottura, che sono realizzate tramite un impasto di base rosso, sul quale si esegue un rivestimento superficiale o decoro -generalmente a vernici oppure vetrina-, che poi sono cotti nello stesso tempo, in un’unica fase cottura, da cui il nome. La ceramica una volta cotta quindi, sarà molto dura, ma piuttosto fragile e incline a rottura. Per scoprire le differenze tra ceramica e gres porcellanato, andiamo a conoscere anche l’altro materiale. Il gr

I Pavimenti in Resina

I pavimenti in resina vengono effettuati impiegando una miscela liquida di resine organiche naturali e prodotti chimici, così da ricreare una pavimentazione in modo semplice e senza dover rimuovere il pavimento sottostante. Hanno uno spessore di pochi millimetri ed hanno la caratteristica di ricreare un pavimento unico, abolendo quindi le classiche fughe. Si tratta di un pavimento molto diverso da quelli tradizionali, non vi è alcun tipo di posa in opera come avviene per mattonelle e piastrelle, ma si tratta di un prodotto liquido, generalmente auto-livellante, che va steso con cura sul pavimento, dev'essere poi pressato leggermente per evitare bolle d'aria e va lasciato asciugare. In commercio vi sono molti kit fai da te, ma comunque non si tratta di un'operazione semplicissima, in quanto bisogna essere molto precisi, soprattutto a ridosso dei battiscopa e negli angoli, per questo motivo si consiglia comunque di affidare la realizzazione del pavimento in resina

La scelta del piatto doccia e le sue alternative di tendenza

Doccia senza piatto,il futuro del design. Nei giorni nostri, la doccia assume sempre più rilevanza divenendo parte dell’arredo bagno, facendone parte, assumendo in alcuni casi anche il ruolo di protagonista.  Sempre meno utilizzati i patti doccia in favore di soluzioni molto più moderne e minimali che permettono di realizzare superfici continue interrotte solamente dal filo dello scarico dell’acqua, a raso pavimento. Impercettibile al tatto, favorevoli all’eliminazione delle barriere architettoniche per anziani e disabili, queste docce senza piatto assumono valore aggiunto funzionale in primo luogo, ma anche di stile ed estetica, da non sottovalutare. Ditta Revestech serie level                                                                                               In questo modo la doccia si integra con l’ambiente bagno circostante, evitando dislivelli o scalini di ogni genere, in cui lo spazio dedicato alla doccia nel momento in cui non è uti