Passa ai contenuti principali

Come mettere in posa una pavimentazione

Un pavimento costituito da piastrelle è un pavimento resistente.
Il materiale utilizzato è il gres porcellato che è una ceramica a pasta compatta e dura, colorata e non porosa.
La parola “grès” sta a significare che la massa ceramica della piastrella è estremamente compatta, da cui l’eccezionale resistenza. Il risultato è un impasto di argilla magra, poco refrattaria, cotta al forno (1200-1400 C°) fino a raggiungere uno stato di vetrificazione non porosa e l’impermeabilità.

Disponibili in tante dimensioni e finiture, le piastrelle da pavimento offrono una grande varietà di materiali e colori.
Posare le piastrelle da pavimento rappresenta la soluzione ideale per arredare tutte le stanze della tua casa.

Farlo è facile e bastano cinque semplici step:
-prepara il fondo,
-prepara la posa,
-posa le piastrelle,
-esegui i tagli,
-stucca le fughe.


Il supporto: 



La superficie deve essere piana, stabile e pulita. Rimuovi le eventuali irregolarità, passa l’aspirapolvere e un prodotto sgrassante, come un detergente o un prodotto specifico per cemento.

Se la superficie è già piastrellata, puoi incollare le nuove piastrelle direttamente sulle vecchie, usando una colla specifica.



I punti di riferimento: 


Per evitare di avere piastrelle tagliate al centro della stanza, traccia una linea perpendicolare alla porta d’entrata, fino alla parete opposta. Se la porta è vicina a un angolo, traccia la linea a partire dal centro della parete, per meglio equilibrare i tagli laterali.



Posa la prima fila di piastrelle intere lungo questa linea, senza incollarle: usa i distanziatori per tenere conto della larghezza delle fughe.



Prendi come riferimento il bordo dell’ultima piastrella posata e traccia una seconda linea perpendicolare alla prima. Lascia uno spazio di dilatazione perimetrale di 10 mm. Rimuovi le piastrelle posate.


*All’acquisto:



Aumenta la quantità di piastrelle del 15% per compensare gli eventuali tagli. Apri tutte le confezioni di piastrelle e mescolale tra loro, per equilibrare le differenze di colore.


La colla cementizia: 



Prepara la colla cementizia seguendo le istruzioni del produttore e stendila con la cazzuola, a filo della linea tracciata. Copri una larghezza leggermente superiore a quella di una piastrella e una lunghezza di cinque o sei piastrelle circa.



Usa una spatola dentata con denti da 6 o 8 mm per piastrelle fino a 25 cm di lato, oppure da 10 mm per le piastrelle più grandi. Passa la spatola sulla colla per uniformare lo spessore. Stendi la colla anche sul retro delle piastrelle se misurano più di 30 cm.


La prima piastrella: 



Posa la prima piastrella all’incrocio delle linee, allineata bene ai due tratti tracciati. Dalla posizione di questa prima piastrella dipenderà tutto il resto del lavoro. Falla aderire bene con leggeri colpi di mazzetta.


Le piastrelle successive: 



Posiziona i distanziatori a croce e posa la seconda piastrella. Procedi in questo modo fino a completare tutte le file di piastrelle, controllando con il battipiastrelle e la stadia allineamento e planarità della superficie.

Battiscopa: 



Se vuoi posare anche i battiscopa, stendi la colla sul retro, posiziona i distanziatori e fai corrispondere le fughe di parete e pavimento. Puoi posare i battiscopa anche dopo la stuccatura.


La linea di taglio: 



Sovrapponi una nuova piastrella su una piastrella dell’ultima fila incollata. Appoggia una terza piastrella e falla scivolare fino a 1 cm dal muro. Traccia la linea di taglio sulla piastrella sottostante.

I tagli dritti: 



Posiziona la piastrella sul tagliapiastrelle poi taglia, esercitando una pressione regolare da un’estremità all’altra.


I tagli curvi: 



Traccia la linea di taglio sulla piastrella con la matita grassa, poi incidila con la punta. Termina con una smerigliatrice o una tenaglia.


Lo stucco cementizio: 



Attendi la completa asciugatura e prepara lo stucco. Stendilo su una superficie di 4/5 mq, poi passa il frattone in gomma, in diagonale rispetto alle fughe, per evitare di incidere lo stucco e per recuperare tutta l’eccedenza.


La rifinitura: 



Quando lo stucco avrà cominciato a indurirsi, passa prima uno straccio asciutto e poi una spugna umida. Attendi qualche minuto e ripassa con uno straccio asciutto, con movimenti circolari.
 Ad asciugatura completa, se noti ancora residui di stucco, puoi eliminarli con un detergente specifico.





*Di cosa avrai bisogno:

Piastrelle
Colla cementizia
Stucco cementizio
Distanziatori a croce
Detergente specifico per piastrelle

*Gli attrezzi:

Flessometro
Matita grassa
Stadia
Squadra semplice
Livella
Cazzuola
Cassoncino
Spatola dentata
Mazzetta in gomma Battipiastrelle
Tagliapiastrelle manuale o elettrico
Smerigliatrice angolare (con disco diamantato)
Tenaglia per piastrelle
Punta per incidere le piastrelle (in carburo di tungsteno)
Frattone in gomma
Spugna

Commenti

Post popolari in questo blog

I Pavimenti in Resina

I pavimenti in resina vengono effettuati impiegando una miscela liquida di resine organiche naturali e prodotti chimici, così da ricreare una pavimentazione in modo semplice e senza dover rimuovere il pavimento sottostante. Hanno uno spessore di pochi millimetri ed hanno la caratteristica di ricreare un pavimento unico, abolendo quindi le classiche fughe. Si tratta di un pavimento molto diverso da quelli tradizionali, non vi è alcun tipo di posa in opera come avviene per mattonelle e piastrelle, ma si tratta di un prodotto liquido, generalmente auto-livellante, che va steso con cura sul pavimento, dev'essere poi pressato leggermente per evitare bolle d'aria e va lasciato asciugare. In commercio vi sono molti kit fai da te, ma comunque non si tratta di un'operazione semplicissima, in quanto bisogna essere molto precisi, soprattutto a ridosso dei battiscopa e negli angoli, per questo motivo si consiglia comunque di affidare la realizzazione del pavimento in resina a profess…

La scelta del piatto doccia e le sue alternative di tendenza

Doccia senza piatto,il futuro del design.

Nei giorni nostri, la doccia assume sempre più rilevanza divenendo parte dell’arredo bagno, facendone parte, assumendo in alcuni casi anche il ruolo di protagonista.  Sempre meno utilizzati i patti doccia in favore di soluzioni molto più moderne e minimali che permettono di realizzare superfici continue interrotte solamente dal filo dello scarico dell’acqua, a raso pavimento.


Impercettibile al tatto, favorevoli all’eliminazione delle barriere architettoniche per anziani e disabili, queste docce senza piatto assumono valore aggiunto funzionale in primo luogo, ma anche di stile ed estetica, da non sottovalutare.

Ditta Revestech serie level
In questo modo la doccia si integra con l’ambiente bagno circostante, evitando dislivelli o scalini di ogni genere, in cui lo spazio dedicato alla doccia nel momento in cui non è utilizzato, resta fruibile diversamente, se si ricorre all’utilizzo di pareti ripiegabili.

Doccia senza piatto, il futuro del design: G…

Differenza tra ceramica e gres porcellanato

La ceramica è un materiale utilizzato fin dall’antichità costituito da una pasta tenera ricavata da terre e argille cotte, dura e resistente ma allo stesso tempo piuttosto scalfibile.
Esistono quattro tipi di ceramiche:
• terracotta o coccio, 
• le terraglie, 
• il gres semplice, 
• la porcellana, che può essere più tenera, o più dura secondo la materia prima utilizzata.

Parlando di rivestimenti, sia murari sia per i pavimenti la ceramica è impiegata per la realizzazione di piastrelle in monocottura, che sono realizzate tramite un impasto di base rosso, sul quale si esegue un rivestimento superficiale o decoro -generalmente a vernici oppure vetrina-, che poi sono cotti nello stesso tempo, in un’unica fase cottura, da cui il nome.


La ceramica una volta cotta quindi, sarà molto dura, ma piuttosto fragile e incline a rottura.
Per scoprire le differenze tra ceramica e gres porcellanato, andiamo a conoscere anche l’altro materiale.

Il gres porcellanato è un materiale costituito da argille…