Passa ai contenuti principali

Le lastre in Gres porcellanato spessore 3mm

La gamma di lastre in gres porcellanato sottile di altissima qualità è formata da pavimenti sovrapponibili con soltanto 3 mm di lastra a cui si aggiunge come rinforzo una rete in fibra di vetro 0,5 mm di spessore.


Le lastre sono disponibili in svariati formati, con un'ampia gamma di colori e finiture


Il gres porcellanato sottile abbina alle caratteristiche tecniche proprie di questo materiale i vantaggi offerti dal suo ridotto spessore, quali la leggerezza e la facilità di trasporto e movimentazione, che fanno di re-stile un pavimento in gres porcellanato dallo spessore ridotto (3mm) ideale per le ristrutturazioni: oltre che sui nuovi massetti, re-stile può essere posato su pavimenti e rivestimenti esistenti, senza la necessità di demolire.
Questi i principali vantaggi delle lastre in porcellanato a spessore sottile:
- è ideale per la sovrapposizione e la ristrutturazione di un pavimento senza demolirlo
- minimizza i tempi e i disagi della ristrutturazione: niente detriti, niente polvere
- è leggero e facilmente trasportabile (ad es. per piani alti senza ascensore, centri storici a difficile accesso)
- essendo un pavimento sovrapponibile,evita i costi di rimozione e smaltimento dei materiali esistenti
- è facile da pulire e non richiede particolare manutenzione


La posa in sovrapposizione ad un pavimento pre-esistente delle lastre da 3mm non è complicata, richiede soltanto alcuni accorgimenti:

Prima della posa del pavimento in gres 3mm:


- Accertarsi che il pavimento da sovrapporre esistente sia asciutto, pulito, ancorato al fondo e senza parti asportabili
- Controllare la planarità con una staggia di alluminio di almeno 2 metri di lunghezza
- Pulire il pavimento esistente con uno sgrassante
- Per migliorare l'aderenza può rendersi necessario l'utilizzo di un primer 

La posa del pavimento in gres 3mm


- Prima della spalmatura del collante è consigliabile tracciare l'area di lavoro
- per evitare bolle d'aria è indispensabile effettuare la doppia spalmatura del collante sia sulle lastre 3mm che sul pavimento da ricoprire
- stendere il collante in modo uniforme su tutta la superficie della lastra e del pavimento
- si consiglia l'utilizzo di spatole a denti di 3mm sulla lastra e a denti di 6-9mm sul fondo
- stendere il collante solo sulla superficie interessata per evitare la formazione di pellicole antiaderenti
- la stesura del collante deve avere il medesimo orientamento sia sulla lastra che sul supporto per evitare la formazione di bolle d'aria che potrebbero indebolire le lastre; l'orientamento ideale è nella stessa direzione del lato corto della lastra
- appoggiare la lastra sul lato lungo e, mantenendola inclinata, posarla facendola scendere e aderire al fondo
- battere sulla superficie con una spatola gommata per evitare la formazione di vuoti e bolle d'aria
- eliminare gli eccessi di collante che fuoriescono in seguito alla battitura
- Inserire i distanziatori per creare la fuga desiderata
- è consigliabile l'uso di ventose per agevolare il corretto posizionamento della lastra
- la larghezza della fuga deve essere valutata in base alle dimensioni della lastra e dell'area da rivestire; nella posa di ambienti interni si consiglia tuttavia una fuga minima di 2mm;
- per completare la posa procedere con la stuccatura delle fughe
- durante le operazioni di posa è necessario rispettare tutti i giunti di dilatazione strutturali esistenti sul fondo
- in caso di superfici molto estese si consiglia di creare giunti di frazionamento di circa 8/10mm
- riempire i giunti di dilatazione utilizzando profili o prodotti specifici
- terminato il processo di posa, l'ambiente risulterà completamente rinnovato senza avere richiesto nessuna opera di demolizione.


E' possibile eseguire operazioni di taglio e forature sulle lastre da 3mm in modo estremamente semplice e pratico utilizzando utensili a secco o ad acqua per la lavorazione del vetro o del gres porcellanato.
Alcuni consigli su taglio e foratura del gres sottile:
- per fori con diametro massimo di 8-10mm utilizzare punte da vetro o gres porcellanato montate su trapani elettrici
- per fori di diametro superiore a 8-10mm utilizzare frese a tazza diamantate montate su trapani o flessibili
- una volta forate le lastre andranno movimentate e posate con maggiore cautela
- per aperture interne alla lastra utilizzare smerigliatrici con dischi diamantati a fascia continua
- il gres porcellanato sottile può essere tagliato utilizzando tagliavetro, tagliapiastrelle, smerigliatrici o tagliatrici a disco
- per tagli a L è consigliato, prima del taglio con smerigliatrice, eseguire i fori ai vertici dell'apertura da realizzare
- per tagli lineari incidere la lastra con un tagliavetro esercitando una pressione continua e senza mai staccare la lama dall'asse d'incisione
- premere sui bordi la superficie incisa per agevolare la frattura della lastra
- completare il taglio incidendo la rete in fibra di vetro con un cutter
- per una corretta finitura levigare i bordi con una spugna diamantata


Maem Edilceramiche srl
Via Cronato,42/c
95100-Catania
tel.095361514
Whatsapp 346-4971257
www.maemsrl.it
info@maemsrl.it

Commenti

Post popolari in questo blog

Differenza tra ceramica e gres porcellanato

La ceramica è un materiale utilizzato fin dall’antichità costituito da una pasta tenera ricavata da terre e argille cotte, dura e resistente ma allo stesso tempo piuttosto scalfibile. Esistono quattro tipi di ceramiche: • terracotta o coccio,  • le terraglie,  • il gres semplice,  • la porcellana, che può essere più tenera, o più dura secondo la materia prima utilizzata. Parlando di rivestimenti, sia murari sia per i pavimenti la ceramica è impiegata per la realizzazione di piastrelle in monocottura, che sono realizzate tramite un impasto di base rosso, sul quale si esegue un rivestimento superficiale o decoro -generalmente a vernici oppure vetrina-, che poi sono cotti nello stesso tempo, in un’unica fase cottura, da cui il nome. La ceramica una volta cotta quindi, sarà molto dura, ma piuttosto fragile e incline a rottura. Per scoprire le differenze tra ceramica e gres porcellanato, andiamo a conoscere anche l’altro materiale. Il gr

I Pavimenti in Resina

I pavimenti in resina vengono effettuati impiegando una miscela liquida di resine organiche naturali e prodotti chimici, così da ricreare una pavimentazione in modo semplice e senza dover rimuovere il pavimento sottostante. Hanno uno spessore di pochi millimetri ed hanno la caratteristica di ricreare un pavimento unico, abolendo quindi le classiche fughe. Si tratta di un pavimento molto diverso da quelli tradizionali, non vi è alcun tipo di posa in opera come avviene per mattonelle e piastrelle, ma si tratta di un prodotto liquido, generalmente auto-livellante, che va steso con cura sul pavimento, dev'essere poi pressato leggermente per evitare bolle d'aria e va lasciato asciugare. In commercio vi sono molti kit fai da te, ma comunque non si tratta di un'operazione semplicissima, in quanto bisogna essere molto precisi, soprattutto a ridosso dei battiscopa e negli angoli, per questo motivo si consiglia comunque di affidare la realizzazione del pavimento in resina

La scelta del piatto doccia e le sue alternative di tendenza

Doccia senza piatto,il futuro del design. Nei giorni nostri, la doccia assume sempre più rilevanza divenendo parte dell’arredo bagno, facendone parte, assumendo in alcuni casi anche il ruolo di protagonista.  Sempre meno utilizzati i patti doccia in favore di soluzioni molto più moderne e minimali che permettono di realizzare superfici continue interrotte solamente dal filo dello scarico dell’acqua, a raso pavimento. Impercettibile al tatto, favorevoli all’eliminazione delle barriere architettoniche per anziani e disabili, queste docce senza piatto assumono valore aggiunto funzionale in primo luogo, ma anche di stile ed estetica, da non sottovalutare. Ditta Revestech serie level                                                                                               In questo modo la doccia si integra con l’ambiente bagno circostante, evitando dislivelli o scalini di ogni genere, in cui lo spazio dedicato alla doccia nel momento in cui non è uti